Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookie. Scopri di più sui cookie nella nostra pagina sulla Politica sui Cookie.

Associazione Scientifico Culturale
ASC EmpiricaMente

Frase del giorno...

La scienza è sempre imperfetta. Ogni volta che risolve un problema, ne crea almeno dieci nuovi | George Bernard Shaw

Calendario Eventi

Maggio 2017
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Home

Scritto da Webmaster

Parelio fotografato da Enrico Bonfante il 16 novembre 2016Vi è mai capitato di vedere ai lati del Sole dei piccoli archetti con i colori dell'arcobaleno? Ebbene, questo fenomeno atmosferico ha un nome ben preciso: si chiama parelio.

Il parelio (che nella cultura popolare è anche chiamato “cani solari”) è un fenomeno atmosferico visibile principalmente nel periodo freddo, dato che alla sua origine troviamo cristalli di ghiaccio.

Scritto da Webmaster

Il prossimo 14 Novembre (per la precisione alle 12:24, quindi il momento preciso non sarà osservabile da noi), avremo il plenilunio. Ma non sarà una Luna Piena come le altre! Questo mese infatti avremo una SuperLuna. Con questo termine si va ad indicare la concomitanza della Luna in opposizione al Sole (Luna Piena quindi) e della Luna nel punto della sua orbita più vicino alla Terra (o quasi). E quella di questo mese sarà la più "super" dal 1948!

L'orbita che la Luna descrive attorno al nostro pianeta infatti non è perfettamente circolare, ma è leggermente ellittica, così da avere una distanza massima (apogeo) di 406.700 km e una minima (perigeo) di 356.400 km, per una distanza media di 384.000 km.

Scritto da Luca Masotto

La scoperta di un nuovo planetoide sposta ancora il limite estremo del nostro sistema planetario

Ha ancora un nome temporaneo, in attesa che la massima autorità in questo campo, l’Unione Astronomica Internazionale, gli conferisca un nome definitivo, ma è già un serio candidato a diventare un pianeta nano ed entrare, quindi, nella strettissima elìte di corpi del sistema solare che può fregiarsi di questa classificazione. Lontanissimo da noi, a quasi tredici miliardi di km dal Sole, impiega 1100 anni a completare una rivoluzione completa attorno alla nostra stella e con i suoi 530 km di diametro ha le dimensioni simili a quella della maggioranza dei satelliti naturali dei pianeti maggiori del nostro Sistema Solare.